I mezzi del Gruppo Editoriale Lucano
(17-08-2012) - Basilicata, Politica, PRIMO PIANO -

Csail-Indignati: a Corleto “meno concerti più posti di lavoro”

lo slogan scelto per il concerto di De Gregori a Corleto “sponsorizzato” dalla Total

“Non ce l’abbiamo certamente con il cantautore protagonista della storia della musica italiana che continua a fare il suo mestiere in giro per l’Italia ma – sottolinea il presidenteCsail-Indignati Filippo Massaro – non possiamo condividere l’operato della Total che pur di conquistare credibilità a Corleto e nel Sauro spende decine di migliaia di euro in spettacoli ed attività ricreative convinta di lasciare un buon segno della sua attività. E’ il“copione” della sceneggiata ideata dall’Eni-Agip negli anni novanta in Val d’Agri risultata poi un vero “bluff”per tutto il territorio. Noi non ci stiamo e alla beneficenza della compagnia petrolifera preferiamo progetti concreti e programmi seri per lo sviluppo dell’economia locale e dell’occupazione”.

Filippo Massaro inoltre riferisce che “la caccia al tesoro (il petrolio) a Ferragosto nel Sauro e in Val d’Agri ha registrato grande curiosità ed interesse tra gli appassionati del picn nic tra boschi e colline. In tanti ci hanno avvicinati nelle piazze per chiederci dell’iniziativa e per farci domande sui benefici del petrolio. Se come è possibile verificare dai bollettini dell’Ufficio Minerario del Ministero dello Sviluppo Economico, ogni mese ci sono decine di domande per ottenere concessioni petrolifere e di estrazione di gas, non solo da parte delle grandi compagnie ma anche da piccole ditte individuali, non vediamo perchè – spiega “provocatoriamente” il presidente del Csail Massaro – non possono farlo anche i residenti del Texas lucano che sinora hanno intravisto solo le briciole del ricchissimo bussines energetico. I bollettini ministeriali – aggiunge Massaro –sono pieni di grandi compagnie e società multimazionali come di piccoli esploratori di nazionalità australiana, inglese, canadese o Usa. Da qualche tempo però – dice Massaro – a scommettere sul petrolio e sul gas ci sono anche semplici cittadini che vorrebbero far fortuna come funzionava una volta, nel mitico Far West, con i cercatori d’oro. L’iniziativa del“ferragosto alla ricerca di petrolio e gas”, dopo la Pasquetta tra i pozzi e il presepe di Natale con il traliccio al posto della tradizionale mangiatoia – a parere del Csail–Massaro- è stata l’ennesima “provocazione” per attirare l’attenzione del Paese sul solito problema: le risorse energetiche della Val d’Agri e del Sauro non producono per le comunità locali alcun vantaggio diretto ed anzi solo effetti negativi sulle attività agricole, turistiche, l’ambiente, il territorio e la salute della gente. In più – conclude Massaro – dobbiamo subire da una parte la vergognosa “lezione” del direttore Europa Meridionale Eni sulla difesa dell’ambiente e dall’altra l’ennesimo “bluff” del subdolo Governatore-Sceicco che tenta di scrollarsi di dosso il titolo di Governatore delle trivelle escogitando l’emendamento populistico e demagogico della moratoria che è privo di benefici reali. In questi giorni di tradizionale vacanza il popolo del petrolio ha fatto sentire la sua voce dimostrando che non siamo il popolo del Niger o della Papuasia che si beve tutto e si può accontentare di un concertino musicale, perché il giorno dopo aver ascoltato De Gregori migliaia di giovani disoccupati della Val d’Agri e del Sauro riprenderanno la via dell’emigrazione in cerca di lavoro.

Filippo Massaro Csail – Comitato Indignati Lucani

Commenti

  1. MaAgoGi scrive:

    Il presidente del CSAIL deve prima spigare chi rappresenta. Altrimenti ognuno potrebbe mettersi dietro una sigla e scrivere corbellerie……. cavalcando un argomento con demagogia (questa si non quella del Governatore)…. Ognuno potrebbe ergersi a presidente di un qualcosa con un acronimo d’impatto e scrivere su argomenti che ovviamente sono importanti per la popolazione. Detto ciò credo che fare una riflessione seria sulla vicenda petrolio è necessario ed importante però vi prego con serietà, non così giusto per cavalcare la scena e prendere visibilità. …. perchè così ci distraete e se poi occorre parlare seriamente di ecologia le energie sono spese per lo sciocchezze e mancheranno per le proteste serie e veramente incisive. Giusto così mi autonomino presidente del CAD (Comitato Anti Demagogia).