I mezzi del Gruppo Editoriale Lucano
(27-06-2012) - Agri, CRONACHE -

Pesci morti nel Pertusillo: è colpa di un virus

Ambiente. Dopo le analisi l’Istituto zoo-profilattico di Puglia e Basilicata esclude l'inquinamento esterno

E’ questo il risultato a cui sono giunti gli operatori dell’Istituto zoo-profilattico di Puglia e Basilicata dopo le analis dei campioni d’acqua prelevati nei giorni scorsi nei pressi della Massseria Crisci per determinare la causa della moria di pesci che più volte si è ripetuta negli ultimi anni. Gli studiosi quindi escludono che possa trattarsi, almeno in questo caso, di inquinamento esterno. Il direttore dell’Istituto zoo-profilattico sperimentale, Vincenzo Quaranta ha fatto sapre che “nelle analisi è stata riscontrata una forma setticemica che ha colpito i pesci. Un germe che si chiama Aeromonas che è abbastanza diffuso nelle acque”. “Non solo. E’ stato trovato anche un parassita, una specie di pidocchio che colpisce le
branchie dei pesci e succhia loro il sangue. Una specie di vampiro delle acque. Gli esami chimici hanno escluso la presenza di pesticidi. Come pure da escludere la presenza di PCB (Policlorobisenile). Come sono da escludere le presenze di metalli pesanti e di microcistine (tossine prodotte dalle alghe)”.